To top
5 Mar

Emerging Talents Milano

Emerging Talents Milano

Emerging Talents Milan incanta alla Milano Fashion Week Autunno/Inverno 2020.

 

Emerging Talents Milan ha presentato con orgoglio la nuova edizione della Milano Fashion Week Autunno/Inverno 2020 con una sfilata collettiva il 22 Febbraio e un trade show con presentazione il 23 e 24, che ha riunito insieme eccezionali marchi italiani e internazionali, sempre nello storico Palazzo Visconti di Modrone. La mostra collettiva ha portato sotto il tetto del palazzo Milanese marchi di alta moda provenienti da Serbia, Romania, Italia, Estonia e Indonesia

Stefan Djokovich ha aperto la serata con la collezione Notturno, ispirata dall’omonima composizioni di Chopin, riflettendo la bellezza e i colori della notte. Avendo un PHD in pianoforte, la musica rimane la più grande fonte di ispirazione del designer. La designer romena Diana Caramaci ha creato una combinazione unica tra volumi, dettagli oversize con un tocco Italiano rendendo il sogno dei giorni caldi e assolati durante l’inverno.

Urban Kimono (brand italiano) è un elogio alla leggerezza e al movimento lento e consapevole in opposizione alla pesantezza, la velocità e l’inconsistenza della società fluida moderna. La collezione prende ispirazione dalla ricca cultura giapponese e trasforma il classico kimono in un pezzo di abbigliamento femminile moderno e lussuoso. Segue il brand estone NYMF Fashion, che riporta l’attenzione sulla metamorfosi di una ninfa. Gli abiti da sera combinano elementi iridescenti e non comuni con quelli mondani creando un ponte tra la luna misteriosa e il sole che illumina, dando vita a un tutto perfettamente in equilibrio e armonia.

Chiude lo show il designer indonesiano Hian Tjen, che ha rimesso in scena la sua collezione PERFCT10N già presentata a Jakarta con nuove creazione esclusive e mozzafiato! Questa collezione rende omaggio alle tradizionali associazioni di chiesa cristiane, gli Amish, con interpretazioni uniche. Catturando la vera essenza degli Amish, Hian Tjen ha esplorato diversi elementi e simboli del loro lifestyle per ispirare questa collezione, come animali esotici, piantagioni lussureggianti, agricoltura e vegetazione. La tavolozza di colori dei look strizza l’occhio ai toni classici e stravaganti della Terra per conferire ai look femminilità ed eleganza, ciascuno con le proprie caratteristiche e i propri livelli di complessità.

La presentazione viene lanciato il 23 febbraio con più di 10 designer. La seta di Artyut presenta la nuova collezione autunno/inverno 2020, basata su ricami armeni occidentali del XIX secolo. La bellissima linea è una collaborazione con la raccolta di ricami armeni del collezionista Narek Van Ashughatoyan. I campioni unici di questa collezione e i delicati ricami prendono nuovo respiro posizionati su eleganti superfici di seta, tutte realizzate e arrotolate a mano in Italia. Torna alla settimana della moda di Milano anche Olesya Sakhro con le sue borse uniche e ricamate a mano in maniera eccellente: forme alla moda e la combinazione tra pelle e ricami mantengono il marchio di accessori di lusso al top dell’alta moda

L’esposizione degli accessori p stata ricca di brand eccezionali provenienti dal Brasile – Dona Rufina che ha presentato la linea di borse e scarpe sostenibili certificate (riutilizzo degli scarti di produzione della pelle, della lana e design concettuali sono gli elementi chiave del marchio) e pochette ecologiche realizzate a mano da Sy&Vie – e borse con intarsi in legno, realizzate artigianalmente con l’antica tecnica dell’adattamento di sottili strati di legno, ritraggono la bellezza naturale degli animali, delle piante e della natura nel suo insieme (un accessorio indispensabile e un vero pezzo luxury).

Insieme a NYMF Fashion e Urban Kimono, altri due marchi di abbigliamento erano tra i selezionati. L’Atelier Linea Lena ha messo in mostra la sua collezione su misura per donna che vanta oltre 50 anni di esperienza nell’alta moda italiana della Signora Lena: tessuti preziosi si uniscono a design classici, unici ed eleganti. L’atelier offre anche un servizio porta a porta. Il marchio proveniente dalla Mongolia Norah ha presentato invece la nuova capsule collection su misura e ricca di stile. La sua linea di abbigliamento presenta giacche e soprabiti speciali in cashmere mongolo, eleganti completi da donna e bellissimi colori.

VOR Makeup di Valeria Orlando presenta nuovamente – come ogni anno – i suoi cosmetici, concedendo agli ospiti l’opportunità di provare i prodotti e di ottenere una consulenza d’immagine gratuita dalla truccatrice di fama mondiale Valeria Orlando. L’edizione autunno/inverno 2020/21 di ETMilano giunge ad una collaborazione speciale con OB-Fashion, che ha presentato il meglio dei suoi talenti emergenti Made in Italy in un corner dedicato. Bellissimi abiti da sera, accessori concettuali e fatti a mano hanno composto il trade show internazionale dell’artigianato.

Produzione:
Taerus PR & Emerging Talents Milan
Head of Makeup
Valeria Orlando
Head of Hair Styling
Russ Ev
Sponsor & Partner
VOR Makeup by Valeria Orlando
Antonio Iengo Hairstyle

Messaggio degli organizzatori:
“Ogni stagione ci impegnamo a portare un contributi all’alta moda a Milano e l’edizione di febbraio non fa eccezione. Nell’era dell’alta moda veloce stiamo affrontando il rischio di perdere tradizioni e mestieri che gli artigiani continuano a tramandare da una generazione all’altra. Il nostro obiettivo è raccogliere queste teniche uniche, riunire maestri del ricamo da tutto il mondo e aiutarli ad essere acclamati e riconosciuti a livello internazionale. Dobbiamo dare l’esempio e incoraggiare le generazioni future a svilupparsi e a dare un nuovo concetto e una visione alle vecchie tradizioni. In Emerging Talents, crediamo anche che sia il momento di essere consapevoli in ogni aspetto della nostra vita e creare con consapevolezza, combinando la qualità con un occhio attento alla sostenibilità, adottando processi di produzione che abbiano un impatto ambientale minimo, ricercando nuovi materiali e soluzioni innovative”.
Ruslan Evseev, PR & Creative Director
Tariel Bisharyan, CEO.

Michela Regini
Nessun commento

I commenti sono chiusi